Blog: http://fabiomarinelli.ilcannocchiale.it

Diatriba Veronesi-Zichichi sul trascendente

Per chi dice che l'uomo è insignificante di fronte all'universo, posso affermare con certezza che non è vero, infatti la comparsa dell'uomo ha cambiato le proprietà dell'universo.

La dimostrazione funziona così: consideriamo di mettere tutto l'universo in una scatola nera.

Se facciamo alla scatola nera il Test di Turing ora è in grado di superarlo, prima dell'avvento dell'uomo no.

Quindi la presenza dell'essere umano ha cambiato le proprietà algoritmiche del cosmo!

Riguardo alla diatriba Veronesi-Zichichi (sul trascendente) la penso così: 

bisogna spiegare come nella storia ci sia stato il superamento della soglia da non-algoritmico ad algoritmico. 

La natura di per sé è non-algoritmica, mentre l'uomo è in grado di costruire macchine algoritmiche. 

Nel futuro queste macchine saranno in grado di autoreplicarsi e diventare immortali (con un semplice backup). 

Ma accadrà un paradosso: l'uomo mortale generato dalla natura immortale costruirà macchine immortali, quindi per il principio aristotelico di "sostanza"anche l'uomo è immortale. 

Questa dimostrazione per assurdo non chiama in causa nemmeno il trascendente!


CLIKKA QUI X HOME PAGE - INDICE

Licenza Creative Commons
Blook: The future of Homo Sapiens (Sapiens?) by Fabio Marinelli - Italia - MRNFBA6.. is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.
Based on a work at fabiomarinelli.ilcannocchiale.it.
Permissions beyond the scope of this license may be available at f.marinelli@alice.it

Pubblicato il 20/11/2014 alle 7.45 nella rubrica filosofia.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web