.
Annunci online

 
L'uomo che ha "fregato" l'Italia con un grande bluff
post pubblicato in economia, il 10 giugno 2011


Silvio Berlusconi's record

The man who screwed an entire country

The Berlusconi era will haunt Italy for years to come

 
Traduzione in italiano in fondo all'articolo originale della testata: The Economist
 

SILVIO BERLUSCONI has a lot to smile about. In his 74 years, he has created a media empire that made him Italy’s richest man. He has dominated politics since 1994 and is now Italy’s longest-serving prime minister since Mussolini. He has survived countless forecasts of his imminent departure. Yet despite his personal successes, he has been a disaster as a national leader—in three ways.

Two of them are well known. The first is the lurid saga of his “Bunga Bunga” sex parties, one of which has led to the unedifying spectacle of a prime minister being put on trial in Milan on charges of paying for sex with a minor. The Rubygate trial has besmirched not just Mr Berlusconi, but also his country.

However shameful the sexual scandal has been, its impact on Mr Berlusconi’s performance as a politician has been limited, so this newspaper has largely ignored it. We have, however, long protested about his second failing: his financial shenanigans. Over the years, he has been tried more than a dozen times for fraud, false accounting or bribery. His defenders claim that he has never been convicted, but this is untrue. Several cases have seen convictions, only for them to be set aside because the convoluted proceedings led to trials being timed out by a statute of limitations—at least twice because Mr Berlusconi himself changed the law. That was why this newspaper argued in April 2001 that he was unfit to lead Italy.

We have seen no reason to change that verdict. But it is now clear that neither the dodgy sex nor the dubious business history should be the main reason for Italians looking back on Mr Berlusconi as a disastrous, even malign, failure. Worst by far has been a third defect: his total disregard for the economic condition of his country. Perhaps because of the distraction of his legal tangles, he has failed in almost nine years as prime minister to remedy or even really to acknowledge Italy’s grave economic weaknesses. As a result, he will leave behind him a country in dire straits.

A chronic disease, not an acute one

That grim conclusion might surprise students of the euro crisis. Thanks to the tight fiscal policy of Mr Berlusconi’s finance minister, Giulio Tremonti, Italy has so far escaped the markets’ wrath. Ireland, not Italy, is the I in the PIGS (with Portugal, Greece and Spain). Italy avoided a housing bubble; its banks did not go bust. Employment held up: the unemployment rate is 8%, compared with over 20% in Spain. The budget deficit in 2011 will be 4% of GDP, against 6% in France.

Yet these reassuring numbers are deceptive. Italy’s economic illness is not the acute sort, but a chronic disease that slowly gnaws away at vitality. When Europe’s economies shrink, Italy’s shrinks more; when they grow, it grows less. As our special report in this week’s issue points out, only Zimbabwe and Haiti had lower GDP growth than Italy in the decade to 2010. In fact GDP per head in Italy actually fell. Lack of growth means that, despite Mr Tremonti, the public debt is still 120% of GDP, the rich world’s third-biggest. This is all the more worrying given the rapid ageing of Italy’s population.

Low average unemployment disguises some sharp variations. A quarter of young people—far more in parts of the depressed south—are jobless. The female-participation rate in the workforce is 46%, the lowest in western Europe. A mix of low productivity and high wages is eroding competitiveness: whereas productivity rose by a fifth in America and a tenth in Britain in the decade to 2010, in Italy it fell by 5%. Italy comes 80th in the World Bank’s “Doing Business” index, below Belarus and Mongolia, and 48th in the World Economic Forum’s competitiveness rankings, behind Indonesia and Barbados.

The Bank of Italy’s outgoing governor, Mario Draghi, spelt things out recently in a hard-hitting farewell speech (before taking the reins at the European Central Bank). He insisted that the economy desperately needs big structural reforms. He pinpointed stagnant productivity and attacked government policies that “fail to encourage, and often hamper, [Italy’s] development”, such as delays in the civil-justice system, poor universities, a lack of competition in public and private services, a two-tier labour market with protected insiders and exposed outsiders, and too few big firms.

All these things are beginning to affect Italy’s justly acclaimed quality of life. Infrastructure is getting shabbier. Public services are stretched. The environment is suffering. Real incomes are at best stagnant. Ambitious young Italians are quitting their country in droves, leaving power in the hands of an elderly and out-of-touch elite. Few Europeans despise their pampered politicians as much as Italians do.

Eppur si muove

When this newspaper first denounced Mr Berlusconi, many Italian businesspeople replied that only his roguish, entrepreneurial chutzpah offered any chance to modernise the economy. Nobody claims that now. Instead they offer the excuse that the fault is not his; it is their unreformable country’s.

Yet the notion that change is impossible is not just defeatist but also wrong. In the mid-1990s successive Italian governments, desperate not to be left out of the euro, pushed through some impressive reforms. Even Mr Berlusconi has occasionally managed to pass some liberalising measures in between battling the courts: back in 2003 the Biagi labour-market law cut red tape at the bottom, boosting employment, and many economists have praised Italy’s pension reforms. He might have done much more had he used his vast power and popularity to do something other than protect his own interests. Entrepreneurial Italy will pay dearly for his pleasures.

And if Mr Berlusconi’s successors are as negligent as he is? The euro crisis is forcing Greece, Portugal and Spain to push through huge reforms in the teeth of popular protest. In the short term, this will hurt; in the long term, it should give the peripheral economies new zip. Some are also likely to cut their debt burden by restructuring. An unreformed and stagnant Italy, with a public debt stuck at over 120% of GDP, would then find itself exposed as the biggest backmarker in the euro. The culprit? Mr Berlusconi, who will no doubt be smiling still.

Traduzione in italiano:

Il record di Silvio Berlusconi: l'uomo che ha fottuto un intero paese.
The Economist
L'era Berlusconi rovinerà l'Italia per tanti anni ancora

Silvio Berlusconi ha molto da sorridere. A 74 anni ha creato un impero mediatico che lo ha reso l'uomo più ricco d'Italia. Ha dominato la scena politica dal 1994 e ora è il ministro più longevo d'Italia fin da Mussolini. Egli è sopravvissuto a innumerevoli previsioni di una sua imminente dipartita. Eppure, nonostante i suoi successi personali, è stato un disastro come leader nazionale per 3 ragioni. Due di queste sono ben note.

  • La prima ragione è la lurida saga del suo "Bunga Bunga", le feste del sesso, una delle quali ha portato lo spettacolo poco edificante di un primo ministro messo sotto processo a Milano con l'accusa di aver pagato per fare sesso con una minorenne. Il processo Rubygate non ha infangato solo Berlusconi, ma anche il suo paese. Per quanto sia stato vergognoso lo scandalo sessuale, il suo impatto sulle prestazioni del signor Berlusconi come uomo politico è stato limitato, perciò questo giornale ha in gran parte ignorato questo scandalo. 

  • La seconda ragione, che abbiamo segnalato per molto tempo, è dovuta ai suoi [presunti] imbrogli finanziari. Nel corso degli anni Berlusconi è stato processato più di una dozzina di volte per frode, falso in bilancio e corruzione. I suoi difensori sostengono che non è mai stato condannato, ma questo è falso. Diversi casi hanno visto condanne, solo che sono state annullate in quanto i procedimenti giudiziari sfociati in processi sono stati bloccati dalla prescrizione almeno due volte perché lo stesso onorevole Berlusconi ha cambiato la legge. Ecco perché questo giornale ha affermato nell'aprile del 2001 che era inadatto [unfit] a governare l'Italia. Non abbiamo trovato nuove motivazioni per cambiare quel verdetto. Ma è ormai chiaro che né gli scandali sessuali né la dubbiosa storia dei suoi affari commerciali siano la ragione principale per cui gli italiani debbano guardare indietro per considerare Berlusconi un disastroso, anche maligno, fallimento. Di gran lunga peggiore è stata infatti ->
  • la terza ragione: il suo totale disinteresse per la condizione economica del suo paese. Forse perché distratto dei suoi guai con la Legge, ha fallito in quasi nove anni da primo ministro nel porre rimedio o anche realmente nel riconoscere le gravi carenze economiche dell'Italia. Come risultato, lascerà dietro di sé un paese in difficoltà [Dire Straits non è solo un famoso Complesso!].


Una malattia di tipo cronico, non di tipo acuto


Tale cupa conclusione potrebbe sorprendere chi studia la crisi dell'euro. Grazie alla rigorosa politica di bilancio del ministro delle Finanze di Berlusconi, Giulio Tremonti, l'Italia è finora sfuggita all'ira dei mercati. L'Irlanda , non l'Italia, è la lettera "I" nell'acronimo PIGS (con Portogallo, Grecia e Spagna). L'Italia ha evitato una bolla immobiliare, le banche non vanno in fallimento. L'occupazione ha resistito: il tasso di disoccupazione è dell'8%, rispetto a oltre il 20% in Spagna. Il disavanzo di bilancio nel 2011 sarà al 4% del PIL, contro il 6% in Francia.

Eppure questi numeri rassicuranti sono ingannevoli. La malattia economica in Italia non è di tipo acuto, ma di tipo cronico e rode lentamente la vitalità. Quando le economie europee recedono, in Italia si recede di più: quando crescono, in Italia si cresce di meno. Come il nostro report speciale di questa settimana indica, solo Zimbabwe e Haiti hanno una minore crescita del PIL rispetto all'Italia nel decennio 2000-2010. In realtà il PIL pro-capite in Italia è sceso [del 3% depurato dall'inflazione]. La mancanza di crescita significa che nonostante Tremonti il debito pubblico è ancora al 120% del PIL, il terzo più grande dei paesi ricchi. Ciò è tanto più preoccupante dato il rapido invecchiamento della popolazione in Italia.

Il basso tasso di disoccupazione maschera alcune variazioni taglienti. Un quarto dei giovani, soprattutto in alcune parti del sud che vive una maggiore depressione economica, è senza lavoro. Il tasso di partecipazione femminile nella forza lavoro è del 46%, il più basso in Europa occidentale. Un mix di bassa produttività e alti salari sta erodendo la competitività: mentre la produttività è aumentata di un quinto in America e di un decimo in Gran Bretagna nel decennio fino al 2010, in Italia è scesa del 5%. L'Italia è 80° nell'indice "Doing Business" della Banca Mondiale, sotto Bielorussia e Mongolia, e 48° nella classifica del World Economic Forum di Competitività, dietro Indonesia e Barbados.

Mario Draghi, governatore uscente della Banca d'Italia, ha letto di recente un discorso d'addio molto incisivo (prima di prendere in mano le redini della Banca centrale europea). Ha insistito sul fatto che l'economia italiana ha disperatamente bisogno di grandi riforme strutturali. Ha parlato di produttività stagnante e ha attaccato le politiche del governo che "non riescono ad incoraggiare, e spesso ostacolano, lo sviluppo in Italia", come i ritardi nel sistema della giustizia civile, le università senza più fondi, la mancanza di concorrenza nei servizi pubblici e privati, un mercato del lavoro di secondo livello con insiders protetti e outsider a rischio, e troppo poche grandi imprese.

Tutte queste cose stanno iniziando ad influenzare la tanto acclamata qualità di vita in Italia. Le infrastrutture sono sempre più scadenti. I servizi pubblici sono datati. L'ambiente non è tutelato. I redditi reali sono perennemente stagnanti. Gli ambiziosi fra i giovani italiani stanno abbandonando il loro paese in massa, lasciando il potere nelle mani di un anziano e di una elite intoccabile. Pochi europei si disinteressano di quanto sono viziati i loro politici tanto quanto fanno gli italiani.

Eppur si muove.

Quando per primo questo giornale ha denunciato Berlusconi, molti imprenditori italiani hanno risposto che la sua maliziosa faccia tosta imprenditoriale da sola aveva offerto una possibilità per modernizzare l'economia. Nessuno lo sostiene più adesso. Però lo scusano dicendo che la colpa non è sua, bensì è il loro paese ad essere irrecuperabile.

Eppure questa idea che il cambiamento è impossibile, non è solo disfattista, ma anche sbagliata. I governi italiani della metà degli anni 1990, preoccupati di non essere lasciati fuori l'euro, attuarono alcune riforme impressionanti. Anche Berlusconi è di tanto in tanto riuscito ad attuare alcune misure di sostegno e liberalizzazione per l'economia mentre lottava coi tribunali: nel 2003 la legge Biagi sul mercato del lavoro ha risolto il problema dal basso, aumentando l'occupazione, e molti economisti hanno lodato in Italia la riforma delle pensioni. Avrebbe potuto fare molto di più se avesse usato il suo vasto potere e popolarità per fare qualcosa di diverso che il tutelare i propri interessi. L'Italia imprenditoriale pagherà un caro prezzo per tutto ciò.

Berlusconi può avere un successore peggiore? ["Al peggio non c'è mai limite, ma speriamo che sia più probabile che qualsiasi persona faccia meglio di lui" - discorso da opporre alla destra quando dice che la sinistra non ha un leader carismatico].  La crisi dell'euro sta obbligando Grecia, Portogallo e Spagna a fare riforme dure da masticare per i denti della protesta popolare. A breve termine, ciò farà male; nel lungo periodo, potrebbe dare a queste economie nuova linfa. Alcuni sembra vogliano ridurre il peso del debito ristrutturandolo. Un'Italia senza riforme e dall'economia stagnante, con un debito pubblico fermo ad oltre il 120% del PIL, potrebbe poi trovarsi con un handicap maggiore rispetto agli altri paesi della zona euro. Il colpevole? Berlusconi, che senza dubbio sorriderà ancora.

[le parti tra parentesi quadra sono state aggiunte da Fabio Marinelli, per una maggiore comprensione e correttezza]

----------------------------

 Link preso dal Financial Times: vedere traduzione in italiano in fondo.  August 9, 2011 9:57 pm

Silvio’s last chance to cut the deficit

It is hard to say whether Italians are losing more faith in Silvio Berlusconi, the scandal-plagued and economically irresolute prime minister, than financial markets are losing faith in Italy. But when it comes to Italian deficits, one consideration stands out. What Italy is suffering from is not a supersized budget deficit but a supersized deficit of political leadership.
With Italy at the eye of the storm that is agitating Europe’s debt markets, the 74-year-old Mr Berlusconi has one last chance to put his nation’s interests ahead of those of himself, his family businesses and his legal troubles. Under pressure from other European Union leaders and from the European Central Bank, Mr Berlusconi agreed last week to accelerate the fiscal consolidation and structural economic reform plan that parliament passed last month.
In particular, he promised to eliminate Italy’s budget deficit by 2013 rather than 2014, insert a balanced-budget amendment into the constitution, and secure support from employers and trade unions for a broad programme of structural reforms.
That Italy urgently needs such reforms goes without saying. In the World Economic Forum’s global competitiveness index Italy lies in 48th place, trailing countries such as Barbados, Indonesia and Lithuania. Its labour market is far too rigid. Its judicial system is an unsightly mess. Corruption and organised crime inflict untold damage on businesses and public life.
Any Italian premier would find this a daunting challenge, but there are particular reasons to doubt that Mr Berlusconi is up to the task. His government’s hastily adopted four-year, €48bn austerity plan lacked credibility. Most of the fiscal adjustment was to have been delayed until after Italy’s next scheduled election in 2013. The premier has yet to offer precise details about how the cost-cutting and revenue-raising measures will become more front-loaded.
Furthermore, Mr Berlusconi’s track record on economic reform is abysmal. It is more than 17 years since he was elected to power for the first time. In three spells as premier he has repeatedly promised to liberate Italy’s dynamic entrepreneurial energies – and delivered next to nothing.
In some circles there are calls for an emergency technocratic government to run Italy, along the lines of Carlo Azeglio Ciampi’s 1993-94 cabinet. But Italy is a democracy and should be governed by elected politicians. It is up to these politicians to show some guts and grasp the nettle of reform.

 

Articolo del Financial Times del 9 Agosto 2011 - (mia traduzione in italiano).

E 'difficile dire se gli italiani stiano perdendo fiducia in Silvio Berlusconi (il primo ministro tormentato dagli scandali e finora incapace di risolvere i problemi economici),  più di quanto i  mercati finanziari stiano perdendo fiducia nell’Italia . Ma quando si tratta del deficit italiano, spicca una considerazione: quello che sta soffrendo l'Italia non è solo un grosso deficit di bilancio, ma anche un grosso deficit di leadership politica.

Con l'Italia nell'occhio del ciclone del debito che agita i mercati europei, il 74enne Berlusconi ha un'ultima possibilità di anteporre gli interessi della propria nazione ai suoi personali: gli affari di famiglia e i suoi problemi legali. Sotto la pressione degli altri leader dell'Unione europea e della Banca centrale europea, Berlusconi ha accettato la scorsa settimana di accelerare il piano di riforma economica,  consolidamento fiscale e strutturale che il parlamento ha approvato il mese scorso.
 
In particolare ha promesso di anticipare il pareggio del deficit di bilancio in Italia al 2013 rispetto al 2014 e inserirlo come articolo della Costituzione, e in più di dare un sicuro supporto ai datori di lavoro e ai sindacati con un ampio programma di riforme strutturali .
Che l'Italia abbia urgente bisogno di riforme non c'è bisogno nemmeno di ripeterlo. Nel World Economic Forum, l’indice globale di competitività, l'Italia si trova al 48 ° posto, dietro a  paesi come Barbados, Indonesia e Lituania. Il suo mercato del lavoro è troppo rigido. Il suo sistema giudiziario è un brutto pasticcio. La corruzione e la criminalità organizzata infliggono  danni incalcolabili alle imprese e alla vita pubblica.
Qualsiasi premier italiano avrebbe trovato questa sfida scoraggiante, ma ci sono motivi particolari per dubitare che il signor Berlusconi sia all'altezza del compito.  Il piano di austerità di 48 miliardi di euro in 4 anni, che il suo governo ha adottato in tutta fretta mancava di credibilità. La maggior parte dell'aggiustamento fiscale avrebbe dovuto essere rimandato a dopo le prossime elezioni in programma in Italia per il 2013. Il premier non ha ancora offerto dettagli precisi su come saranno affrontate le misure di riduzione dei costi e l’incremento  delle entrate.
Inoltre, i precedenti di Berlusconi sulla riforma economica non sono incoraggianti: sono passati più di 17 anni da quando è stato eletto al potere per la prima volta,  ha avuto ben 3 possibilità come primo ministro di liberare le energie dinamiche imprenditoriali italiane, ma non ha realizzato quasi nulla.
In alcuni ambienti ci sono richieste di un governo tecnico di emergenza,  sulla falsariga di quello di Carlo Azeglio Ciampi 1993-94. Ma l'Italia è una democrazia e deve essere governata da politici eletti. Spetta a questi politici dimostrare di sapere agire immediatamente per far fronte a questa situazione spiacevole con delle riforme adeguate.
-----------------------------------------

Wall Street Journal: Italy Pressed to Speed Up Budget Steps

CERNOBBIO, Italy—Italy's government is under increasing pressure to ensure quick approval of key economic austerity measures as time runs out for the country to convince markets it won't be next to fall in the domino-like acceleration of Europe's debt crisis.

Getty Images

Mr. Berlusconi has drawn criticism for waffling on Italy's austerity package.

At a conference on the shores of Italy's Lake Como, international policy makers and economists criticized the government of Prime Minister Silvio Berlusconi for failing to unveil a definitive version of a €45 billion ($64 billion) austerity package aimed at balancing Italy's budget in two years and breathing new life into the country's anemic economy.

The weightiest call to action came from European Central Bank President Jean-Claude Trichet, who said it wasn't up to his bank alone to solve the Continent's debt woes. And in a sign of growing frustration at the Berlusconi government, several here said it was time for Italy's billionaire premier to step aside and for a temporary nonpartisan government to come to power in order to take tough decisions on behalf of the country. In Italy's recent history, so-called "technical" governments have managed to push through unpopular measures that political, elected administrations haven't—most notably an overhaul of the pension system in 1996.

"The ECB and euro system as a whole consider the measures announced by [Italy's] government...extremely important in order to rapidly diminish the public deficit of Italy and improve the flexibility of the Italian economy," Mr Trichet said during the conference.

Over the past couple of months, Italy has been dragged into the escalating European debt crisis—with the country's borrowing costs surging—mainly on concerns about the country's huge debt, which stands at 120% of gross domestic product. More worrying is Italy's feeble growth rate, which has lagged behind the rest of the euro zone for the past decade and is unlikely to improve unless the country makes key changes, including to its labor market.

Fears about Italy have coupled with a broader disillusionment among investors and policy makers themselves that Europe's politicians haven't been able to put a lid on the debt problems of Greece, which emerged nearly two years ago. The European Central Bank has so far spent €41.6 billion to buy Italian and Spanish bonds in an attempt to stop the downward pressure on their prices.

Under pressure from the ECB, the Italian government several weeks ago quickly unveiled a broad framework of economic measures aimed at improving the country's public finances. Since then, however, the administration has repeatedly flip-flopped on the contents of the economic package, scrapping key measures such as a pension overhaul and a tax on higher incomes.

Critics also say the package doesn't include enough moves to liberalize Italy's economy in order to drive growth.

The government hopes to have the measures approved by mid-September, but a firm schedule hasn't been set yet.

"The budget measures, which have changed two, three times in the space of two weeks, aren't off to a good start," Marco Tronchetti Provera, chairman of Italian tire maker Pirelli & C. SpA, said in an interview at the conference.

Among the recent flip-flopping: The government last month said it would reach a balanced budget by 2013, in part by levying a tax on those earning more than €90,000 a year. Weeks later, those proposals were dropped. Similarly, a plan to change pension-payment rules was put forward and then scrapped in two days.

The confusion has further rattled markets. On Friday, Italy's 10-year government bond yielded 5.237%, 0.23 percentage point wider on the day versus the benchmark 10-year German bund, according to Tradeweb. The five-year credit default swap's spread on the country's bonds widened 0.17 percentage points, to 4%, above its record closing level of 3.85%, according to Markit.

The latest version of the austerity measures focuses largely on cracking down on Italy's rampant tax evasion—something that economists have long urged the country to do. Critics have argued that the measures—which would introduce tougher legal procedures for evaders and would force taxpayers to give more banking information on their tax returns—would be hard to enforce and therefore couldn't guarantee the budget cuts that the government promises.

The Senate and the Chamber of Deputies, the lower-house parliament, are expected to vote on the package by the middle of this month. Before any voting takes place, however, the measures must be approved by the Senate's budget committee.

On Sunday, the budget committee approved one of the most controversial parts of the package: a measure that would allow companies and unions to agree to opt out of labor rules that make it impossible to fire employees without "just cause."

 

Italy's Economy Minister Giulio Tremonti on Sunday defended the crackdown on tax evaders saying in a speech at the Cernobbio conference that the government expected to collect billions of euros from the measure. Mr. Tremonti unveiled a telling figure, saying that 796 people in Italy declared an income of over €1 million last year and a little more than 3,300 people earned more than €500,000.

Despite the reassurances, the conference, which was organized by think tank Ambrosetti, wrapped up in a sour mood. Several at the conference gossiped about possible candidates for a possible technical government; former UniCredit bank Chief executive Alessandro Profumo said he was willing to be part of such an interim administration. Non-elected, technical governments in Italy can be created if the administration in power loses a majority in parliament. Though his center-right coalition is increasingly fractured, Mr. Berlusconi still has the majority he needs to govern, and new elections aren't scheduled until 2013.

Emma Marcegaglia, the head of Italy's business lobby, which has been highly critical of the government in recent months, said she was worried that if the measures aren't approved quickly, the ECB may withdraw its support to the country.

"Our concern is that the ECB stops buying Italian bonds if the government doesn't act fast enough," she said. Picking up on Mr. Trichet's warnings the day earlier, she added: "The ECB can't keep buying Italian bonds forever."

Traduzione in italiano:

L’ Italia è sotto una crescente pressione per garantire la rapida approvazione delle misure chiave di austerità economica prima che scada il tempo per il paese nel convincere i mercati che non sarà il prossimo a cadere sotto l’effetto domino dell'accelerazione della crisi del debito in Europa. In una conferenza sulle sponde del Lago di Como in Italia,  i responsabili politici ed economici internazionali hanno criticato il governo del primo ministro Silvio Berlusconi perché non  riesce a varare una versione definitiva della manovra da 45 miliardi di euro (64 miliardi di dollari): il pacchetto di riequilibrio del bilancio italiano in due anni che darebbe nuova vita all’anemica economia del Paese. La pesante chiamata all’azione è venuta dal Presidente europeo della Banca centrale Jean-Claude Trichet, che ha detto che non sta solo alla sua banca a risolvere i guai del debito del continente. E in un segno crescente di frustrazione per il governo Berlusconi, diversi qui hanno detto che è ora per il premier miliardario italiano di fare un passo indietro, per lasciare il potere ad un temporaneo governo non di parte, al fine di prendere decisioni difficili in nome del paese. Nella  storia recente d'Italia, i cosiddetti governi "tecnici" sono riusciti a far passare impopolari misure politiche, in particolare le amministrazioni elette nel 1996  fecero una revisione del sistema pensionistico. "Il sistema BCE e dell'euro nel suo insieme considera le misure annunciate dal governo italiano ... estremamente importanti al fine di diminuire rapidamente il deficit pubblico in Italia e migliorare la flessibilità dell'economia italiana ", ha detto Trichet durante la conferenza.  Negli ultimi due mesi, l'Italia è stata coinvolta dall'escalation della crisi europea del debito, sono in aumento le preoccupazioni per l'enorme debito del Paese, che rappresenta il 120% del prodotto interno lordo. Più preoccupante è per l’Italia il tasso di crescita debole, che è rimasta indietro dal resto della zona euro negli ultimi dieci anni ed è improbabile che migliori a meno che il paese faccia modifiche chiave, compreso il suo mercato del lavoro.  Timori per l'Italia si sono diffusi con la più ampia disillusione tra gli investitori e i responsabili delle politiche per il fatto che gli stessi politici europei non sono stati in grado di mettere un coperchio sul problema del debito della Grecia,  che è emersa quasi due anni fa. La BCE ha finora speso 41,6 miliardi di euro per acquistare titoli, sotto la pressione da parte della BCE, il governo italiano alcune settimane fa ha subito presentato un ampio quadro di misure economiche volte a migliorare la finanze pubbliche del paese. Da allora, però  l’amministrazione ha ripetutamente fatto zig-zag sul contenuto del pacchetto economico, prendendo misure chiave quali una riforma delle pensioni e una tassa sui redditi più elevati per poi abbandonarle subito.  I critici dicono anche che il pacchetto non comprende abbastanza misure per liberalizzare l'economia in Italia al fine di guidare la crescita.  Il governo spera di avere le misure approvate entro la metà di settembre, ma un programma di studio non è stato ancora fissato.  "Se il buongiorno si vede dal mattino, le misure di bilancio, che sono cambiate due, tre volte nel giro di due settimane, non sono un buon segnale " ha dichiarato in un intervista alla conferenza  Marco Tronchetti Provera, presidente del produttore italiano di pneumatici Pirelli & C. SpA,.  Tra i recenti zig-zag:  il governo ha detto di voler raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2013,  in parte dal prelievo di una tassa su coloro che guadagnano più di 90.000 euro l'anno. Settimane più tardi, quelle proposte sono cadute. Allo stesso modo, un piano per cambiare le regole delle pensioni è stata avanzato e poi demolito in due giorni.  La confusione ha ulteriormente scosso i mercati. Venerdì, in Italia i titoli di Stato a 10 anni hanno dato il  5,237%, 0,23 punti percentuali più ampio del giorno rispetto al benchmark a 10 anni del bund tedesco, secondo Tradeweb. I CDS sulle obbligazioni del paese sono aumentati di 0,17 punti percentuali, al 4%, sopra il suo record di chiusura di 3,85%, secondo Markit.  L'ultima versione di misure di austerità si concentra in gran parte in un giro di vite fiscale sull’evasione dilagante in Italia, cosa che gli economisti hanno a lungo sollecitato. I critici hanno sostenuto che le misure contro gli evasori,  che costringerebbero i contribuenti a fornire informazioni bancarie ulteriori sulla loro dichiarazione dei redditi, sarebbero difficili da applicare e quindi non potevano garantire i tagli di bilancio promessi dal governo.  Il Senato e la Camera dei Deputati, la camera bassa del parlamento, dovrebbero votare il pacchetto entro la metà di questo mese. Prima di ogni votazione, tuttavia, le misure devono essere approvate dalla commissione bilancio del Senato.  Domenica scorsa, la commissione bilancio ha approvato una delle parti più controverse del pacchetto: una misura (molto avversata dai sindacati) che consente alle aziende di reintrodurre il licenziamento senza “giusta causa. Il ministro dell'Economia Giulio Tremonti, in un discorso alla conferenza di Cernobbio di Domenica, ha difeso la repressione degli evasori dicendo che il governo prevede di raccogliere miliardi di euro dalla misura. Tremonti ha presentato un esempio, dicendo che 796 persone in Italia hanno dichiarato un reddito di oltre € 1.000.000 l'anno scorso e un po' più di 3.300 persone hanno guadagnato più di € 500.000.  Nonostante le rassicurazioni, la conferenza, che è stato organizzata dal think tank Ambrosetti, era avvolta in un umore acido. Nel corso della conferenza ci sono stati diversi pettegolezzi sui possibili candidati per un possibile governo tecnico, l'ex Amministratore Delegato di UniCredit Banca Alessandro Profumo si è detto disposto a far parte di tale amministrazione provvisoria. Sebbene non eletti, i governi tecnici in Italia si possono fare se l' amministrazione al potere perde la maggioranza in parlamento. Anche se la sua coalizione di centro destra è sempre più frammentata, Berlusconi ha ancora la maggioranza  per governare, e le prossime elezioni sono in programma per il 2013. Emma Marcegaglia, il capo degli industriali italiani, che è stato molto critica sul governo negli ultimi mesi, si è detta preoccupata che se le misure non sono approvate rapidamente, la BCE può ritirare il proprio sostegno al paese. "La nostra preoccupazione è che la BCE cessi l’acquisto dei titoli italiani se il governo non agisce abbastanza velocemente " ha detto. Riprendendo gli avvertimenti Mr. Trichet il giorno prima, ha aggiunto: "La BCE non può continuare a comprare Obbligazioni italiane per sempre. "

 



La licenza sottostante è valida solo per il lavoro di traduzione.
Licenza Creative Commons

Blook: The Future of Homo Sapiens (Sapiens?) by Fabio Marinelli - Italia - MRNFBA6.. is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.Based on a work at fabiomarinelli.ilcannocchiale.it.Permissions beyond the scope of this license may be available at f.marinelli@alice.it

Sfoglia maggio        luglio
Capitoli:
Consiglio i siti:
Biografia e ideali:
Laureato a Bologna. Mi affascina occuparmi come hobby della sociologia e filosofia, tenendo ben presenti i problemi della natura, che soffre oltremodo per la presenza asfissiante dell'uomo. Il mio ideale è trovare una forma di convivenza degli uomini che: 1) abolisca le guerre; 2) promuova uno sviluppo sostenibile; 3) trovi un equilibrio permanente con la natura del pianeta Terra; 4) ridistribuisca le risorse tra tutti gli abitanti del pianeta; 5) aumenti le risorse relative su scala mondiale, mediante diminuzione della popolazione con un rientro morbido sotto i 4 miliardi, prima della fine del petrolio. "Imagine there's no countries It isn't hard to do, Nothing to kill or die for And no religion too. Imagine all the people Living life in peace... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one. I hope someday you'll join us And the world will be as one. Imagine no possessions, I wonder if you can, No need for greed or hunger A brotherhood of man. Imagine all the people Sharing all the world..." Imagine di John Lennon
Sondaggio:
Per la SOPRAVVIVENZA del BLOG: CLIKKAMI per fare una DONAZIONE a piacere mediante l'uso di PayPal
Proponi su Blog News
Donazione con PayPal
Guest Book
Ricerca Google in Sito
------------------------------------
--- Primi ingressi nel blog ---
------------------------------------
Ingressi TOTALI: 1

Per MIGLIORARE il BLOG: CLIKKAMI per scrivere sul GUESTBOOK
------------------------------------
Support Wikipedia
------------------------------------
Clikkami per ricerca Google dentro il sito
------------------------------------
adv