.
Annunci online

 
Riflessioni sulla religiosità minima e sull'ateismo massimo
post pubblicato in filosofia, il 10 ottobre 2014


Ad un certo punto della propria vita bisognerebbe scegliere se credere solo alla materia ed essere quindi materialisti al 100%, oppure valutare l'eventualità che esistano delle proprietà dell'universo che vanno aldilà della fisica, quindi che hanno delle connotazioni metafisiche anche se non del tutto trascendentali.

Per esempio io potrei dichiararmi panteista filoparmenideo, credere che l'universo raggiunga un certo grado di consapevolezza con l'intelligenza umana, o di altre presunte extraterrestri non ancora scoperte e fino a questo livello sarei completamente materialista ametafisico.

Se però inizio a indagare sulla strana efficacia della matematica, che inserita in teorie ha delle capacità predittive sui fenomeni naturali. Vedo la presenza di essa dappertutto nella natura.


 
 
Di fronte a questa evidenza (anche scientifica, ma qualcuno dice "anche no"), la matematica assume delle caratteristiche metafisiche, perché come ho detto in precedenza non c'è un posto fisico dove contenerla, se l'universo fosse un programma in esecuzione distinguiamo gli algoritmi del programma, ma anche in questo caso per noi sarebbe metafisica, perché non vediamo il supporto fisico del programma.

Solo in caso che l'universo faccia da supporto fisico del programma e sia esso stesso il programma, allora la matematica perderebbe la sua qualità metafisica, e il tutto diventerebbe un semplice panteismo materialista.

Ma quest'ultimo sarebbe solo un caso particolare.

Tutte le altre credenze in cui ci sia un minimo di metafisica implicano una religiosità minima anche se paragonabile alla superstizione:

  • oroscopo;
  • maghi;
  • satanismo;
  • guaritori di altre fedi;
  • ecc. ecc.

Chi ricorre a forme di superstizione descritte in questo elenco non può legittimamente considerarsi cattolico, ma nemmeno ateo.

 

Sfoglia marzo        novembre
Capitoli:
Consiglio i siti:
Biografia e ideali:
Laureato a Bologna. Mi affascina occuparmi come hobby della sociologia e filosofia, tenendo ben presenti i problemi della natura, che soffre oltremodo per la presenza asfissiante dell'uomo. Il mio ideale è trovare una forma di convivenza degli uomini che: 1) abolisca le guerre; 2) promuova uno sviluppo sostenibile; 3) trovi un equilibrio permanente con la natura del pianeta Terra; 4) ridistribuisca le risorse tra tutti gli abitanti del pianeta; 5) aumenti le risorse relative su scala mondiale, mediante diminuzione della popolazione con un rientro morbido sotto i 4 miliardi, prima della fine del petrolio. "Imagine there's no countries It isn't hard to do, Nothing to kill or die for And no religion too. Imagine all the people Living life in peace... You may say I'm a dreamer But I'm not the only one. I hope someday you'll join us And the world will be as one. Imagine no possessions, I wonder if you can, No need for greed or hunger A brotherhood of man. Imagine all the people Sharing all the world..." Imagine di John Lennon
Sondaggio:
Per la SOPRAVVIVENZA del BLOG: CLIKKAMI per fare una DONAZIONE a piacere mediante l'uso di PayPal
Proponi su Blog News
Donazione con PayPal
Guest Book
Ricerca Google in Sito
------------------------------------
--- Primi ingressi nel blog ---
------------------------------------
Ingressi TOTALI: 1

Per MIGLIORARE il BLOG: CLIKKAMI per scrivere sul GUESTBOOK
------------------------------------
Support Wikipedia
------------------------------------
Clikkami per ricerca Google dentro il sito
------------------------------------
adv